Ogni scarpa diventa scarpone, per il podista?

La risposta è negativa. La scarpa, per il podista, non diventa mai scarpone. Al limite, la butta, ma non la usa in modo… “improprio”. E’ troppo forte il binomio corsa-scarpa, che altra realtà, per il podista, non esiste. D’altro canto, è vero che la vita media di una scarpa dipende dal numero dei km percorsi, dal modello, dalla modalità con cui sono state lavate, eccetera. Ma ciò non toglie che, quando è arrivato il momento, e il podista lo sa…, lo sente…, lo vede…, bisogna passare ad altra calzatura. E allora, discorso chiuso? No, qualcosa si può ancora fare…

Quando un podista ha tratto da una scarpa tutto quello che poteva trarre…, potrebbe ancora trovarne un pratico ed utile utilizzo: trail e cross. Ovviamente, se il podista in questione affronta queste gare senza avere il piglio del perfezionista. Si sa che il trail è un ottimo sistema di diversificare l’agonismo, facendolo combaciare con il rispetto e il contatto per l’ambiente naturale e non cittadino, in una forma di nostalgico tentativo di tornare alle nostre origini più recondite. Nel contempo, si sa anche che nella cosiddetta preparazione invernale, oggi purtroppo tanto disattesa, per il potenziamento delle gambe, sono molto indicati i cross, ovverosia le corse campestri. Ecco, in entrambe queste occasioni, e le si potrebbe reiterare svariate volte, scarpe non perfettamente in linea con i canoni classici delle calzature sportive, specifiche e professionali, andrebbero proprio bene, rivestirebbero un ruolo perfino gratificante al podista interessato, facendolo aumentare sia il rendimento atletico in senso stretto sia soprattutto l’amore per la corsa.

Poi, esaurita anche questa “stagione”, cioè il tempo di qualche forellino sulla tomaia, oppure di un po’ di battistrada scollato, si procederà alla… dismissione della scarpa. Non senza rimpianto, è vero, non senza un qualche dispiacere. Però, avremo l’animo sereno, perché esse, per noi, sono state compagne fedeli e preziose, come difficilmente riescono ad esserlo molte altre cose.

 

 

 

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento