I 5 km su strada

La recente, anzi, odierna gara “Monacorun 5 km”, ha riacceso i riflettori su di una competizione abbastanza trascurata, quella appunto dei 5 km… su strada. Già su pista, questa distanza risente la “concorrenza” di altre gare, forse maggiormente in sincrono nell’immaginario collettivo degli atleti praticanti, assoluti o amatori, basti solo pensare alla miriade delle 10 km presenti in tutti i fine settimana (a volte anche in concomitanza), figuriamoci la “difficoltà” di essere presente su strada. In effetti, si può dire che la stessa Fidal concorra ad alimentare una certa diffidenza nei confronti dei 5 km, non inserendo questa gara nelle distanze standard ufficialmente riconosciute per il conseguimento di record, sia in ambito maschile che femminile. Anzi, a tale proposito, vogliamo ricordare il prospetto che si ricava dal sito Fidal.

Distanze standard ufficialmente riconosciute e alle quali si riferiscono gli eventuali record:

10 km, 15 km, 20 km, Mezzamaratona (21,97 km), 25 km, 30 km, Maratona (42,195 km), 100 km.

Visto? Manca del tutto la 5 km… Poi non ci lamentiamo che le 5 km quasi non si svolgano e che si abituino i giovani che si avvicinano all’Atletica a considerarle come gare non degne di fregiarsi del titolo di gare di fondo come quelle a partire dai 10 km…

Ma è successo qualcosa alla “Monacorun 5 km febbraio 2019”, almeno per noi italiani… In campo (strada…) femminile, si è registrato il primo posto dell’olandese Sifan Hassan, in 14’43”. Quarto posto quanto per la nostra Sara Dossena, in 16’03”. Nuovo record italiano…, prima di lei, era stata Yusnesy Santiusti (16’31”, nel 2007).

Dove sta la novità? Diamo prima un rapido sguardo alla classifica maschile… Ha vinto lo svizzero Julien Wanders, in 13’29”. L’incredibile elvetico ha stabilito negli ultimi tempi i record europei sui 10 km e sulla Mezzamaratona… E a proposito degli “ultimi tempi”, ecco la novità… Non è di certo casuale che questo “risveglio” della 5 km su strada sia scaturito dalla scelta della IAAF (l’organismo internazione dell’Atletica) d’inserire il primato dei 5 km su strada fra quelli riconosciuti; lodevole iniziativa, presa soltanto l’anno scorso.

Adesso, ci aspettiamo una rivalutazione di questa gara, e di questa distanza. E che non resti, come spesso accade, una semplice gara di contorno.

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento