Il brodo è “primordiale”, nei mesi freddi

Quando si parla di alimentazione del podista durante la stagione fredda, inevitabilmente si pensa a un liquido caldo, che possa rifocillare in tutta fretta, consentendo un subitaneo recupero organico, e nel contempo procurare un notevole sollievo alle pareti dell’esofago e dello stomaco, grazie al benefico stimolo di ciò che si ingerisce, soprattutto se si tratta di tè o di brodo. Ma, se il tè risulta ideale nell’immediatezza  della fine dell’allenamento o della gara, è nel brodo che il podista ricerca, per così dire, un qualcosa in più, che possa essere in una certa misura anche “ricostituente”, vale dire che possa aiutare un rapido ripristino delle energie impiegate nello sforzo atletico.

Però, è bene subito precisare che il brodo, buonissimo nel dare sollievo nei mesi freddi, non possiede molte proprietà nutritive, nemmeno per dire “quello di carne”, che contiene soltanto tracce solubili in acqua, grassi e sali minerali, in quanto la cottura, come avviene in ogni tipo di bollitura, depaupera e disperde, della carne, buona parte del suo contenuto proteico. In compenso, il brodo viene classificato tra gli elementi cosiddetti “nervini”, ossia gli si riconosce un’azione positiva sul sistema nervoso, al pari del caffè e del tè. E quindi, al termine di una notevole e dispendiosa seduta di allenamento, o di una gara tirata, dopo la doccia e il “ritorno alla calma” e giunto al momento del pasto programmato, il podista può avvalersi del brodo (vegetale o di carne), per ripristinare le riserve energetiche consumate. Comunque, gli sarà necessario abbinare dei carboidrati, tipo fruttosio e maltodestrine, per ricostruire le scorte di glicogeno dei muscoli e del fegato. Si sta consigliando cioè che, nelle fasi di recupero alimentare, al brodo caldo si deve aggiungere una fonte di carboidrati, come ad esempio pane o cracker, i quali si adattano in modo perfetto al gusto salato del brodo.

Ah…, e poi, per chiudere in bellezza, un bicchiere di vino rosso non guasta…! Perché… se quando fa’ freddo un bel brodo riscalda il corpo, un po’ di buon vino riscalda il cuore!

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Alimentazione. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento