Per chi viene a gareggiare in Campania da fuori regione

Pensiamo sia cosa utile fornire agli innumerevoli podisti che gareggiano in Campania provenienti da altre regioni le “traduzioni” delle frasi ricorrenti che si dicono i locali i quali, ovviamente, si esprimono nella loro “lingua madre”, ovverosia la lingua napoletana. I podisti extraregionali possono apprezzare facilmente il clima dolce, le bellezze paesaggistiche e il carattere gioviale dei campani, ma non possono cogliere la ricchezza espressiva della loro lingua che, al pari del contesto naturale in cui vivono, è essa stessa bella, colorita ed espressiva tanto che, non a caso, è da molti anni riconosciuta dall’Unesco patrimonio universale dell’umanità.

Avvertenza: poiché ci occupiamo di podismo, tutti i modi di dire che siamo riusciti a raccogliere, hanno attinenza col corpo umano, la “macchina” dei podisti.

 Modi di dire del podista campano                 traduzione in italiano

Me fanno male ‘e rin’                                         Ho mal di schiena

M’abbruciu ‘o front’                                           Ho qualche linea di febbre

‘E fosse nfaccia                                                    Dimagrimento eccessivo

Me fanno male ‘e chiocc’                                   Ho una forte emicrania

M’avota ‘o stommaco                                        Avverto dei conati di vomito

Te tengo ncopp’ ‘o stommaco                          Mi sei decisamente antipatico

Songo straqquo                                                   Sono stanchissimo

Me rimast’ ngann’                                              Non ho potuto raggiungere l’obiettivo

So dulure ‘e panz’                                               Sono difficoltà molto serie

Me fatt’ fa’ ‘o sang’ amaro                              Mi hai procurato un grosso dispiacere

Me fatt’ ittà ‘o sang’                                         Mi hai dato filo da torcere

Me fatt’ sguaglià ncuorp’                                Mi hai fatto prendere un forte spavento

Me fatt’ nu buco npiett’                                   Mi sei costato molto

Tien’ ‘a panza azzeccat’ ‘e rin’                        Sei un tipo troppo magro

Si venut’ men’ rint’ ‘e cusuture                       Sei venuto meno nei momenti decisivi

Me attaccato ‘e fili ncap’                                 Mi hai fatto completamente confondere

 

Questa voce è stata pubblicata in Amici al bar. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento