Una gara lunga un giorno: la 24 ore

La distanza è la pietra di paragone del podista, senza la distanza non avrebbe senso il tempo e il suo impegno per conseguirlo, né il limite entro il quale confrontarsi con l’avversario. Senza il punto di riferimento della distanza, cioè, non ci sarebbe agonismo o voglia di misurare le proprie capacità. In parole povere, senza la distanza non ci sarebbe il podismo…! Così, abbiamo tutta una serie di prove rapportate alle distanze, dalle più corte alle più lunghe. Qualcuna è rapportata però al tempo, a quanti chilometri l’atleta riesce a percorrere in un determinato tempo. E’ il caso delle 6, delle 12 e delle 24 ore. Quest’ultima forse ha il fascino maggiore, perché racchiude l’intero arco di una giornata.

Esiste una federazione particolare, per le gare cosiddette “ultra”, la IUTA, che ne regola l’attività in tutte le sue parti (regolamenti, calendario, eccetera). Accostiamoci un po’ alla 24 ore. Pensate: per un’intera giornata non fare altro che correre! E’ il sogno di ogni podista: correre per tutto il giorno, non fare altro che questo! E’ il sogno di ogni podista tradotto in pratica!

Non sono molte le gare di 24 ore su strada, ma queste sono imprescindibili, in Italia:

  • 24 ore del Delfinato, Bergamo, diventata poi 24 ore Ciseranese
  • 24 ore di Padova
  • 24 ore di Torino
  • 24 ore di Cesano Boscone, Milano

Abbiamo lasciato quella di Cesano Boscone per ultima, perché si svolgerà il prossimo 11 marzo e sarà valida come il Campionato Italiano Fidal per l’anno 2017. E’ così prossimo l’avvenimento, che siamo già in grado di fornirvi alcune notizie. Gli atleti iscritti sono 140, italiani e stranieri. Presenti vari atleti, anche della nazionale italiana di 24 ore: Tiziano Marchesi, Nerino Paoletti, Fausto Parigi, Daniele Baranzini e Federico Borlenghi, per gli uomini; per le donne, Lorena Brusamento, Maria Ilaria Fossati e Ilaria Pozzi. Partiranno alle ore 7,00 dal parco Petrini e correranno su di un circuito che misura 1162 metri. Agli impavidi e intrepidi partecipanti, tutti i nostri migliori auguri.

Ma continuiamo la nostra “esplorazione” nella 24 ore su strada.  Chi sono i detentori del record italiano su questa distanza? Essi risalgono alla gara di Brive La Gaillarde, Francia, del 13/14 maggio del 2010, quando si verificano i seguenti risultati:

                        Maschile

  • Ivan Cudin (bronzo mondiale e oro europeo), 263,390 km
  • Ulrich Gross, 249,065 Km
  • Tiziano Marchesi, 246,026

                         Femminile

  • Monica Casiraghi (argento mondiale ed europeo), 231,390 Km
  • Annemarie Gross, 229,166 km
  • Lorena Di Vito, 197,556

A questo punto, la curiosità ci assale: e i record del mondo a chi appartengono? Chi sono questi veri e propri mostri? Eccoli:

Il record del mondo maschile è di Yiannis Kouros (Grecia), che ad Adelaide (Australia), il 4 e 5 ottobre del 1997 corse 303,506 km; mentre quello femminile è di Mami Kudo (Giappone), che a Taipei (Taiwan), il 10 e 11 dicembre del 2011 corse 255,303 km.

Siamo sbalorditi: ritorneremo su questa gara…, sulla 24 ore…, una gara lunga un giorno!

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Amici al bar. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento