Laura Fogli

Scorrendo l’elenco degli atleti italiani che hanno detenuto il record italiano sulla maratona, è forse inevitabile soffermarsi maggiormente su quelli maschili, avendo conquistato prima Bordin e poi Baldini perfino l’oro ai Giochi Olimpici. Eppure, fra le donne ce n’è qualcuna degnissima di rispetto, record italiano a parte, e una di queste è sicuramente Laura Fogli. Scorriamone, seppure in modo sommario, il palmares.

Nata a Comacchio (5 ottobre 1959), è stata:

  • due volte vice campionessa europea di maratona;
  • una volta detentrice italiana del record della maratona;
  • due volte campionessa italiana della mezza maratona;
  • 6a ai Giochi Olimpici di Seul (1988), con 2h 27’ 49”;
  • 9a ai Giochi Olimpici di Los Angeles (1984), con 2h 29’ 28”.

Da notare che il suo record italiano sulla maratona, stabilito ai Giochi Olimpici di Seul nel 1988, con il tempo di 2h 27’ 49” è stato il più longevo, perché è durato per ben 10 anni, fino al 1998, quando Franca Fiacconi (maratona di New York) lo fissò a 2h 25’ 17”.

Nella sua lunga e gloriosa carriera Laura Fogli ha subito ben quattro interventi chirurgici ai tendini, denotando grande caparbietà e tenacia che le hanno consentito i seguenti primati personali:

  • 500 m, 4’19”8;
  • 000 m, 9’17”3;
  • 000 m, 16’09”19:
  • 000 m, 33’39”04;
  • Mezza maratona, 1h 12’38”.

Persona sensibile altruista, Laura Fogli per un certo periodo è stata anche Assessore allo Sport nel suo Comune di residenza. Accettò l’invito più per attaccamento alla sua terra di origine che per adesione ad un partito. Le sarebbe dispiaciuto che l’incarico fosse stato affidato (come spesso accade…) a persone non competenti. Ed anche in questo ambito si disimpegnò molto bene, abituata evidentemente a cimenti ardui e impegnativi.

Infine, una curiosità. Gianni Morandi la elesse a sua “maestra” di maratona, impegno che Laura Fogli svolse con simpatica efficacia, facendogli tagliare il traguardo dei fatidici 42,195 km nel ragguardevole tempo finale di 3h e 50’! Grande Laura Fogli!

Questa voce è stata pubblicata in Amici al bar. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento