Una gara bellissima: i 1500 metri su pista

??????????????????????????????????????????????????????????

Che il valore di un atleta si veda dai risultati che consegue su pista, è ormai risaputo, ma che siano i 1500 metri la gara in cui vengano messi a dura prova tutte le sue qualità podistiche, nessuna esclusa, è cosa non del tutto riconosciuta. In tale gara, infatti, sono richieste capacità aerobiche e anaerobiche, tanto da farla ritenere l’ideale “anello di congiunzione” fra le gare di mezzofondo veloce e quello prolungato. Nel prepararla, il podista dovrà sviluppare il meccanismo aerobico di risintesi dell’energia, ma anche quello anaerobico lattacido, per potere effettuare sforzi brevi di elevata intensità. Vogliamo prepararli?

Siamo podisti medi “stradaioli”, come quel migliaio che domenicalmente affrontano una gara quasi sempre di 10 km e, quindi, siamo abituati a svolgere un 5-6 allenamenti alla settimana, uno dei quali di velocità, o ripetute o progressivo. Ecco, la prima cosa che pensiamo, quando prepariamo una gara su pista di 1500 metri, è che ci limiteremo a fare una ripetuta, non di 1000 metri e nemmeno di 2000, ma una via di mezzo. Partiremo veloci, come si deve fare per una ripetuta, e poi nel finale cercheremo di dare tutto quello che abbiamo, tanto non dobbiamo effettuare nessun’altra prova, come avviene negli allenamenti che prevedano serie di ripetute. Errore. Cioè, si può anche fare, ma se vogliamo dare un senso un po’ più tecnico alla cosa, è meglio fare qualche opportuna considerazione e prepararci una sorta di scaletta.

Intanto, la solita raccomandazione: consideriamo bene la data della gara che andiamo ad affrontare e concediamoci un mese per la preparazione. In tale periodo, alla domenica, se anche decidiamo di partecipare ad una qualche gara (meglio, ovviamente, se è di 10 km), effettuiamo un progressivo, con una partenza molto lenta, perché non sarà una gara in senso stretto. E poi, ricordiamoci del nostro reale rendimento nell’espressione della corsa veloce, poiché dovrà servirci da riferimento alle diverse velocità da allenare per i 1500 metri. Se, ad esempio, corriamo i 10 km in 4’, questa sarà la nostra corsa veloce (CV), mentre quella lenta sarà a 5’ (CL) e quella media sarà di 4’ e 30” (CM).

                                                                 1a settimana

Lunedì          1h (CL)

Martedì        20’ (CL) + 3×300 + 3×400 + 3x 500 (CV, rec. 3’)

Mercoledì    20’ (CL) + 30’ (CM) + 1×2000 (CV)

Giovedì         20’ (CL) + 1×1000 + 1×2000 + 3×600 (CV, rec. 4’)

Venerdì        20’ (CL) + 10×300 (CV, con rec. di 3’)

Sabato          Riposo

Domenica     Gara/1h di progressivo

                                                                  2a settimana

Lunedì          20’ (CL) + 30’ (CM) + 10’ (CL)

Martedì       20’ (CL) + 5×200 + 3×400 + 3×600 (CV, rec. 3’)

Mercoledì    20’ (CL + 30’ (CM) + 10’ (CL)

Giovedì        20’ (CL) + 5×400 + 1×2000 + 5×200 (CV, rec. 3’, 4’, 2’)

Venerdì        20’ (CL) + 6×600 (CV, con rec. di 4’)

Sabato          Riposo

Domenica    Gara/1h di progressivo

                                                                  3a settimana

Lunedì          20’ (CL) + 30’ (CM) + 10’ (CL)

Martedì       20’ (CL) + 6×400 + 1×500 + 4×200 (CV, rec. 3’, 3’, 2’)

Mercoledì    20’ (CL) + 20’ (CM) + 20’ (CL)

Giovedì        20’ (CL) + 1×1000 + 1×2000 + 4x 400 (CV, rec. 3’, 4’, 3’)

Venerdì        20’ (CL) + 7×500 (CV, con rec. di 4’)

Sabato          Riposo

Domenica    Gara/1h di progressivo

                                                                   4a settimana

Lunedì          20’ (CL) + 20’ (CM) + 20’ (CL)

Martedì       20’ CL) + 1×1000 + 1×300 + 1×1000 + 1×200 (CV, rec. 3’)

Mercoledì    40’ (CL)

Giovedì        20’ (CL) + 4×400 (CV, rec. 4’)

Venerdì        30’ (CL)

Sabato          Riposo

Domenica    Gara: 1500 metri

Fatto? Allora, tutto a posto e andiamo, tranquilli e caricati, a incominciare. Se li abbiamo preparati bene, alla prima esperienza faremo un tempo poco superiore ai 5’: la nostra “soglia” si sarà abbassata di un 10” e avremo corso i 1000 metri a un 3’ e 50”. Ma già alla seconda volta che correremo i 1500 metri, e ripetendo la stessa tabella, il nostro organismo sarà in grado di scendere ulteriormente, diciamo a 3’ e 45”, tagliando il traguardo ben sotto ai 5’. Provare per credere!

Questa voce è stata pubblicata in Allenamento. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento