Restiamo a Marcianise!

E’ da tempo che… siamo sulle tracce di Angelo Garofalo e delle sue iniziative podistiche che pongono i bambini in primo piano. Quasi non ci sembra vero che possa esistere un podista così entusiasta 14264159_10209083265376775_5819839357104967747_ndi questa attività sportiva, in grado tra l’altro di calamitare attorno a sé anche quei pochi altri che in regione si ritrovano nella stessa condizione; di avere cioè quella voglia, quella lungimiranza, quella sincerità d’intenti di trasferire nei bambini, quindi nel futuro, la passione del vivere civile che passa attraverso la pratica podistica.

Restiamo abbacinati, dunque, quando notiamo su FB un volantino un po’ particolare, stilato nella forma e nella sostanza come spesso vediamo nei nostri sogni ad occhi aperti: una manifestazione per bambini dai 6 anni ai 15 , divisi per categorie (Esordienti C, B, A, <6-11 anni; Ragazzi, <12-13 anni; Cadetti, <14-15 anni) con premi consistenti in coppe e medaglie, patrocinata dal Comune di Marcianise (la… casa di Angelo Garofalo), con la collaborazione di un Ente di Promozione Sportiva (OPES), appunto, regolarmente corredata da sponsor e commentata da speaker. Una cosa che non si vedeva da anni, perché quelle poche iniziative di corse podistiche su strada che si riservano ai giovanissimi, fungono da corollario a quella “per i grandi”, come se la corsa dei bambini fosse una cosa del tutto secondaria e utile solo per fare un po’ di spettacolo ulteriore. “Invece no!”, hanno detto a Marcianise, per nostra fortuna, che vediamo verificarsi una speranza più simile a un sogno che a un forte desiderio. E quindi decidiamo di andarci, non possiamo non andarci, anche se le condizioni di vita materiale, veramente, ce lo proibiscono (curare, da soli, il nipotino…).

Abbiamo chiesto alla nostra fantasia di trasportarci con le sue ali possenti in quel di Marcianise, però senza nessun clamore, per non disturbare. Essa ci ha condotti sul posto in perfetto orario, anzi con un po’ di anticipo: è sempre bello vedere i preparativi di una gara. Laddove tutto sembra languire, poi si avvicendano persone e materi

SONY DSC

ali che cominciamo a brulicare e a manovrare. Abbiamo visto Angelo Garofalo e Luigi Celiento (Caivano Runners) confabulare e trasportare materiali, tra cui medaglie e coppe: che bello, i premi di una volta! Era presente come da programma Ettore Forte in rappresentanza dell’OPES, l’EPS copatrocinante della manifestazione: “Giusto”, abbiamo pensato, “se non è questa <promozione sportiva>, allora qual è?”. Eravamo in Piazza Principe di Napoli, e le prove si sarebbero svolte nelle sue adiacenze, sufficientemente larghe per accogliere i sicuramente combattivi ma un po’disordinati miniatleti. Si facevano spazio fra gli adulti i dirigenti delle varie squadre di bambini e, “trafficando” con il microfono, anche lo speaker della manifestazione: Anna Nargiso, alias Zagara Arancio. E’ mai scelta ci sembrava fosse più opportuna, quella di affidare il commento ad una persona tanto preparata e disponibile nei riguardi dei bambini, al pari di una maestra che insegna ai suoi alunni, in allegria e in simpatia, i valori più importanti della vita: la socializzazione, il rispetto consapevole delle regole, la lealtà sportiva, insomma, tutte le cose che gli adulti sembrano avere smarrito. C’era, ce l’aspettavamo, il Sindaco Antonello Velardi, il quale si è inorgoglito non poco di quello che stava succedendo nel paese da lui amministrato. E per forza! Altri Comuni in Campania, ben più consistenti per popolazione e… bilanci, una manifestazione così se la scordano!

Ma poi, oh, non ci distraiamo: sono 14264226_1071721106238254_4963857652828412934_npartite le gare. Quasi all’improvviso, un nugolo di bambini ha invaso la città, la piazza, la strada…, tutto quello che c’era da invadere, anche la nostra emozione. Ci capita sempre così, quando vediamo correre i bambini: il cuore ci batte forte forte e perdiamo la calma e la concentrazione, immedesimandoci nel loro mulinare le gambette.

Chi ha vinto? Ma tutti, naturalmente!

Che bella manifestazione! Quasi quasi, restiamo a Marcianise!

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Gare. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento