Cosa mangiare (e bere) dopo una gara serale

D’estate, si sa, le gare podistiche si svolgono di sera, anzi a volte perfino… di notte. Sono gare belle, affascinanti e suggestive, partenza-gara-running-2ma che però comportano per il podista qualche difficoltà di ordine alimentare: cosa mangiare prima e soprattutto dopo? Cosa mangiare “prima”, per il podista, è un argomento di facile risoluzione: basta farlo almeno tre ore prima. Il problema potrebbe insorgere sul “dopo”, in base a un meccanismo psicologico: ormai ho corso…, posso fare quello che voglio. Se si cede a questa tentazione, si corre il rischio di rallentare il recupero e di trascorrere una notte con una digestione resa difficile da un consumo di pasto serale non adeguato alla circostanza.

Vogliamo scendere nei dettagli? Bene. La prima cosa da fare, nel senso che appena si taglia il traguardo, si deve bere qualche cosa che ci faccia reintegrare le perdite idriche ed energetiche, con bevande che ci possano rifornire, oltrcorriroma.jpg.300x0_q90_crop-scaleeché dei sali persi, anche di carboidrati, facendo così in modo d’iniziare subito l’attività di recupero in senso stretto. Certo, non bisogna aspettarsi che sul banco del ristoro alla fine della gara noi si possa trovare bevande che contengono sali minerali e carboidrati e che magari ci sia la possibilità di consumare barrette energetiche. Spesso i ristori finali sono ottimi, ma non sono provvisti sempre di cibi e bevande ottimali in questo senso. E allora il buon podista avrà portato nel suo sacchetto personale qualcosa di più indicato. Eventuali amici o familiari al seguito, proprio d’estate frequenti e assidui accompagnatori del podista, saranno ben felici di essere disponibili nell’occasione.

Quando poi ci si avvierà al tavolo per la classica e doverosa cena, altra cosa importante, bisognerà… controllare l’orologio. Cioè, se è un’ora decisamente tarda, sarà meglio che la cena non contenga pietanze elaborate con alimenti grassi, con l’esclusione tassativa di bevande alcoliche, per non far lavorare durante la notte il fegato che è stato già costretto a lavorare sodo in precedenza (durante la gara).  Comunque, il menu dovrà comprendere cibi non difficili da digerire: il pane, la pasta, il riso; cibi proteici magri, come il pollo, il pesce, la verdura e la frutta. Per il dolce, siamo in estate, un bel gelato si fa’ forse preferire all’ottima crostata. Per la bevanda, si deve propendere per l’acqua che, a seconda dei gusti personali, può essere anche leggermente frizzante. Solo nel caso che la cena fosse costituita dalla pizza, un… mezzo bicchiere di birra non costituirà reato!

Buon appetito.

Questa voce è stata pubblicata in Alimentazione. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento