L’anno che verrà

lucio1Molto immeritatamente, prendiamo in prestito il bellissimo brano di Lucio Dalla, “L’anno che verrà”, perché lo abbiamo sempre cantato (e pensato), specialmente durante ogni capodanno. “L’anno che verrà” esprime il nostro desiderio di cambiare in meglio, di rompere se occorre qualche schema, di avere più slancio e affetto per la nostra vita e per quella degli altri. “L’amico lontano” non è altro che il nostro io, che però noi raggiungiamo tutte le volte che corriamo.

Caro amico ti scrivo, così mi distraggo un po’ 
e siccome sono andato piano, più forte ti scriverò.

Ora c’è un nuovo sito, è una grossa novità
e se t’ho incuriosito va’ a cliccare questa realtà.

Da mattina a sera, compreso quando è festa
sono chiuso come in gabbia, col sito nella testa
e resto senza parlare per intere settimane
ho molte cose da dire, l’importante è che non siano vane.

“podisticamente.it” è il nome del nuovo sito,
ha portato un’innovazione, già da quando è uscito
in connessione veloce, per tutto quanto il giorno
ogni podista avrà la sua voce, e tutto il sito gli farà da contorno.

Ci sarà da cliccare e da fare tutto l’anno
anche i restii potranno digitare
mentre gli altri già lo fanno
e si darà l’apporto ognuno come gli va’
anche gli smart potranno collegarsi
ma soltanto senza oscenità
e senza grandi disturbi nessuno offenderà
perché qualcuno si turbi per questa novità.

Vedi caro podismo, cosa ti scrivo lo vedi
e come penso intensamente
a questo sito podisticamente.it
vedi vedi vedi vedi
vedi caro podismo cosa si deve pensare
per poter correre ancora, per continuare a gareggiare.

E se quest’anno poi passasse in un istante
vedi caro podismo
come diventa importante
che resti un poco di agonismo.

L’anno che sta arrivando, tra un anno passerà
ma podisticamente.it non sarà più una novità.

Questa voce è stata pubblicata in Amici al bar. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento