‘O podismo è ‘na livella

????????????????????????????????????

????????????????????????????????????

Correre in gruppo azzera le diversità sociali. Quando si è in gruppo, non si distingue più chi è un magistrato o un cassaintegrato, chi è un impiegato o un disoccupato, chi è un ingegnere oppure un infermiere, chi è un operaio o chi ha solo un guaio…. Rime e scherzi a parte, è proprio vero: la corsa è una livella…, come diceva il grandissimo Totò.

Ogn’anno pe e podisti c’è l’usanza
e fa’ ‘na maratona sana sana
ognuno l’adda fa’ chesta crianza
picciò s’allena sempre int’ ‘a  semmana.

Ogn’anno puntualmente in un bel giorno
si sente dentro quasi un’esigenza
anch’io la sento e in tutto quanto intorno
vedo soltanto e solo effervescenza.

St’anno m’è capitata un’avventura…
dopo di aver avuto del coraggio
perché pioveva proprio da far paura
e sono sceso come se fosse maggio.

‘O fatto è chist’, statemi a sentire:
s’avvicinava l’ora da chiusura
della corsa che stavo per finire
quando sfioro d’un podista la figura.

Putevamo sta accussì a ‘nu palmo
quando ‘o podista se fermaie di botto
s’avota e, tomo tomo…, calmo calmo,
dicette a mme, tutt’arraggiat’: “Giovanotto!

Da voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi incrociar, per mia vergogna,
accanto a me che sono un blasonato?!

La corsa è corsa e va’, sì, rispettata,
ma voi perdeste il senso e la misura,
la vostra corsa andava, sì, praticata
ma assai distante dalla mia natura!

Ancora oltre sopportar non posso
la vostra vicinanza sudaticcia.
Fa’ d’uopo, quindi, che affrettiate il passo
e andiate in là a portar la vostra ciccia.”

“Signor mi scusi, nun è colpa mia
i’ nun v’avesse fatto chistu tuorto
la colpa è tutta quant’ e chesta via
che tene asfalt’ chin’ e buch’ stuorto.

Se ie putesse ve farrie cuntento
pigliasse queste mie quatt’osse
e proprio mò, obbì…, in un momento
correrei dove non ci sono fosse.”

“E cosa aspetti, oh turpe mal creato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedè…, pigli sta violenza…
‘a verità, podì, mo me so scucciato
e te sentì, e si perdo a pascienza
me scordo ca so podista e so mazzate!

Ma chi te cride d’essere…, nu Dio?
e podisti, o vuò capì, simme tutt’ eguale…
podista si tu, e podista so pur’io;
ognuno quando corre è tale e quale.

Perciò, stamme a sentì, nun fa’ ‘o restiv’
suppuortame nu poco, nun fa’ ‘o trist’
nuie simme brav’, nun simme maie cattiv’
nuie simme seri, nuie simme duie podist’!”

Questa voce è stata pubblicata in Amici al bar. Contrassegna il permalink.

3 risposte a ‘O podismo è ‘na livella

  1. francesco diana scrive:

    e podisti, o vuò capì, simme tutt’ eguale…
    Ebbene si, si è tutti uguali e tutti si parlano con il “tu”.
    A quella oretta di corsa domenicale, che riempie la nostra mattinata sia in allenamento sia in gara, non possiamo mai rinunciare. Un abbraccio collettivo che se dovesse venire a mancare è come se mancasse la domenica, come se mancasse il dolce a tavola nella giornata di festa.

  2. Giuseppe Volpe scrive:

    Sì, è proprio come hai detto.

  3. Vittorio Aloi scrive:

    La parodia della poesia di Toto’ e’ azzeccata con noi podisti, quando corriamo noi siamo con scarpette pantaloncini e canotta siamo tutti uguali!!!

Lascia un commento