Intervista a Gennaro Varrella

gennarinoGennaro Varrella: un campione del podismo campano.
Entro in contatto con Gennaro Varrella, uno dei più valenti podisti che annoveri la campania. Tempo fa gli chiesi se fosse disponibile per una intervista. Conoscendolo da qualche anno, ero sicuro della sua gentile disponibilità. lnfatti, eccoci qua’.

D. Sei nato a san Lorenzo Maggiore (BN), il 27/10/73 [notizie dal web].
Che rapporti hai con il tuo paese d’origine, con le tue radici? E’una domanda forse un po’ banale, ma la stima che ho della tua persona mi fa’ pensare che tu affronti sempre le cose con il dovuto rispetto.

R. Sono cresciuto nella piccola realtà di San Lorenzo Maggiore e ne vado orgoglioso, perché quell’ambiente ha forgiato il mio carattere, facendomi imparare che i risultati si ottengono con molti sacrifici. Anche se a circa 20 anni ho lasciato la residenza del paese, ci torno sempre con affetto, perché le radici non si dimenticano.

D. “La corsa al convento” è stato il tuo esordio nel podismo. Prima giocavi al calcio’ in quale ruolo? Scommetto in quello di centrocampista, dove si corre molto.

R. Sì, la mia prima gara è stata “La corsa al convento”, nel 1988, fatta perché ero stufo di uno sport come il calcio in cui non riuscivo a esprimere le mie qualità e nel quale, purtroppo, a prevalere non era il merito. Comunque, sì, giocavo a centrocampo.

D. per soli 5″, il tuo personale sulla 10 km non è al di sotto dei 30′. Dove hai conseguito questo pur brillantissimo risultato? E per te, è un “ricordo” o un “rimpianto”?

R. Su pista, ad Avellino, conseguendo il titolo di campione regionale. E’ un “ricordo” bellissimo.

D. La stessa domanda vale per la 21 Km. Questa volta, però, i secondi sono perfino di meno: 3!
R. A Udine, nonostante il coinvolgimento in una caduta alla partenza. Anche di questa gara ho un “ricordo” bellissimo. L’unico rammarico è di non essere potuto entrare in un gruppo sportivo, ma della corsa, in verità, non rimpiango nulla, perché mi ha dato tanto ed è stata anche un riscatto sociale, provenendo da una famiglia povera.

D. Da qualche tempo hai intrapreso con successo l’attività di speaker, nella quale unisci competenza podistica e capacità comunicativa. Da questa diversa “postazione”, come “vedi” il “panorama” del podismo in Campania? Qual è la realtà vera e quali sono, secondo te, le prospettive future?

gennarino speakerR. Da circa 3 anni mi diverto a fare lo speaker. Mi sto preparando per…la pensione!
Come vedo il podismo in Campania? Come organizzazione e numero di atleti alle gare siamo ai vertici. Però, noto che fra tanti atleti, soprattutto amatoriali, c’è molta competizione e poco rispetto.

D. E in futuro cosa prevedi?

R. [sorriso] Non eludo la domanda. Non lo so. Forse non lo voglio sapere. Mi piacerebbe che l’atletica fosse vissuta come la vivo io: impegno, lealtà e allegria. Ma, ripeto, vedo molta competizione e poco rispetto. Vedo molti atleti, specialmente amatori, che intendono la competizione come l’agognato superamento dell’avversario, non il conseguimento di un bel risultato quale logica conseguenza di fatiche e di allenamenti.

D. Posso assicurarti che piaci a tutti; non come a certi campioni che risultano un po’estranei o distanti rispetto ai rapporti con gli altri atleti, specialmente se mediocri (per non dire peggio) amatori. In altre parole, qual è il segreto della tua simpatia?

R. [altro sorriso]

D. Posso rispondere io per te?
ll segreto della tua simpatia è la trasparenza. Cioè, tu appari agli altri podisti come sei: serio (non serioso), comprensivo e disponibile. E a chi ti osserva viene il sospetto che per essere forti nel podismo bisogna forse cercare di imitarti.

Questa voce è stata pubblicata in L'intervista, Uncategorized. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Intervista a Gennaro Varrella

  1. Giuseppe Volpe scrive:

    Grazie a te, per averci accompagnato nell’inizio di questa piacevole avventura. Non potevamo avere un alfiere migliore di te!

  2. guido scrive:

    io sono napoletano , ma vivo a Viterbo da 30 anni ho conosciuto gennaro ed e’ una persona fantastica e piena di umorismo , e’ un grande

Lascia un commento